Progetti ecosostenibili nelle scuole

Al fine di ridurre drasticamente la produzione di rifiuti e promuovere l’utilizzo dell’acqua del rubinetto nei plessi scolastici e nell’ottica “green” intrapresa da tempo da ATS nel favorire comportamenti sempre più sostenibili da parte dei cittadini ma anche delle nuove generazioni, sono stati creati due nuovi progetti che riguardano le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado sia pubbliche che paritarie dei 52 Comuni soci. Sì è deciso di coinvolgere le scuole per il ruolo formativo ed educativo che da sempre ricoprono.
Queste iniziative vogliono anche sensibilizzare i giovani studenti sull’emergenza sanitaria che stiamo vivendo: l’utilizzo delle borracce e degli erogatori d’acqua permette infatti di rispettare le misure di igiene e sicurezza necessarie per prevenire il contagio da Covid-19.

 

La mia scuola è sostenibile

Questo progetto promosso da ATS, Contarina spa, Etra spa, Piave Servizi spa e Veritas spa ha previsto la consegna a tutti i ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado pubbliche e paritarie di borracce in alluminio, completamente realizzate in Italia in materiale riciclato, in rispetto dei principi dell’economia circolare.
L’alluminio si ottiene principalmente dai minerali di bauxite, una roccia di colore variabile (rosa, rossa, bruna o grigia), che si estrae dalla crosta terrestre. È un materiale versatile, creativo e innovativo. È leggero, ma robusto, resistente alla corrosione e durevole nel tempo. Inoltre è un materiale ecologico che può essere riciclato infinite volte, senza rischiare la perdita delle qualità originali.
Il progetto ha previsto inoltre un percorso formativo volto a sensibilizzare gli studenti ad adottare scelte sostenibili, attraverso approfondimenti su alcune tematiche legate alla tutela delle risorse naturali, alla valorizzazione della risorsa idrica e dei materiali.
I vantaggi nell’utilizzo di una borraccia sono molteplici:

  • È un contenitore utile per prelevare, a casa o a scuola, l’acqua del rubinetto che è sicura, buona e controllata.
  • Evita il consumo giornaliero di bottiglie monouso e riduce i costi ambientali dei lunghi viaggi dell’acqua tra la sorgente e il supermercato.
  • L’Italia è uno dei primi tre Paesi al mondo per consumo di acqua in bottiglia: ogni anno 8 miliardi di bottiglie di acqua da 1,5 litri si trasformano in 280 mila tonnellate di rifiuto in plastica, parte del quale finisce in mare.
  • E’ un contenitore personale e lavabile, che rispetta le misure di igiene e sicurezza.

A casa, come a scuola, ciascun studente può contribuire allo sviluppo sostenibile del pianeta.
Il mondo è grande e complesso ma servono tanti piccoli gesti per fare qualcosa di importante.
Sono tante le azioni utili e per nulla faticose che permettono di risparmiare risorse naturali, energia e denaro, salvaguardando giorno dopo giorno la vita sulla Terra.

 

Erogatori d'acqua nelle scuole

Si stanno installando nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado sia pubbliche che paritarie, aderenti al progetto degli erogatori di acqua da parete allacciati alla rete idrica, grazie anche alla collaborazione con i 52 Comuni soci.
Gli erogatori da parete allacciati alla rete idrica verranno installati in assoluta sicurezza nelle aree ritenute più idonee dalle scuole per l’utilizzo e sarà prevista la manutenzione programmata con due interventi all’anno di sanificazione e sostituzione filtri.
Gli apparecchi erogano acqua microfiltrata a temperatura ambiente, sono completi di sistema battericida, lampada UV LED a tecnologia a luce fredda ad accensione istantanea, conta-litri analogico consultabile dall’esterno, sistema antiallagamento e sistema di microfiltrazione in grado di trattenere possibili piccole particelle in sospensione ed eliminare eventuali odori e sapori sgradevoli come quello del cloro disciolto.
La volontà di ATS è quella di promuovere un maggiore utilizzo dell’acqua del rubinetto rispetto all’acqua in bottiglia, perchè è buona e controllata.