Bonus Idrico o Bonus acqua

Il Bonus Acqua garantisce per 12 mesi la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua annui, e per lo stesso quantitativo dei servizi di fognatura e depurazione, ovvero la quantità minima necessaria per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali della persona.


Al fine della determinazione dell’ammontare del Bonus acqua pro-capite, la componente tariffaria compensativa applicata, per i servizi forniti, ai 18,25 mc/anno è pari a:


• tariffa agevolata, determinata per la quota variabile del corrispettivo di acquedotto;
• tariffa di fognatura, individuata per la quota variabile del corrispettivo di fognatura;
• tariffa di depurazione, individuata per la quota variabile del corrispettivo di depurazione.


Le tariffe nel dettaglio sono consultabili nella sezione “LA TARIFFA” al seguente link: https://altotrevigianoservizi.it/p/utenti/la-tariffa/la-tariffa-di-fornitura-normativa


Ne hanno diritto gli utenti del servizio idrico integrato, con residenza anagrafica corrispondente a quella di fornitura del servizio, che sono parte di nuclei familiari con indicatori ISEE:


• con indicatore ISEE non superiore a 8.265 €;
• con indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa)
• beneficiari di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Dal 1° gennaio 2021 i bonus sociali per disagio economico saranno riconosciuti automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, senza che questi debbano presentare domanda

(Come stabilito dal decreto legge 26 ottobre 2019 n. 124, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157).
Sarà sufficiente che, ogni anno, il cittadino/nucleo familiare presenti la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per ottenere l'attestazione ISEE utile per le differenti prestazioni sociali agevolate.
Tutte le informazioni utili sono consultabili nel sito https://www.arera.it

Scarica qui la comunicazione

 

Il nuovo sistema di Bonus idrico che eroga dal 01/01/2021 automaticamente ai cittadini/nuclei familiari che ne hanno diritto, non è ancora pienamente operativo.

Acquirente Unico è infatti ancora in attesa di indicazioni da parte dell’Autorità (ARERA) per poter poi trasmettere le informazioni necessarie ai Gestori.

Una volta ricevuti i dati, e indipendentemente dai tempi necessari per questa operazione, ATS erogherà il Bonus idrico dal 2021 (compreso il riconoscimento di eventuali quote di bonus già maturate) ai cittadini che ne hanno diritto per l’intero periodo di agevolazione, nelle modalità previste dalla Delibera n.651/2022/COM del 06/12/2022. La Delibera, consultabile nel sito https://www.arera.it   disciplina il riconoscimento e la liquidazione del Bonus Sociale Idrico per gli anni di competenza 2021 e 2022.

 

 

 

Liberalità

La liberalità è una forma di sostegno ai nuclei familiari con indicatori ISEE fino a 20.000 €, decisa da Alto Trevigiano Servizi, in aggiunta al Bonus Acqua.
 
Ne hanno diritto gli utenti con residenza anagrafica corrispondente a quella di fornitura del servizio idrico integrato. Per usufruire di tale sostegno è necessario presentare la domanda entro il 15/05/2022, compilando gli appositi moduli :  

Presso il proprio Comune di residenza per i seguenti Comuni soci: Alano di Piave, Altivole, Arcade, Cornuda, Farra di Soligo, Follina, Mussolente, Nervesa della Battaglia, Pederobba, Quero-Vas e Volpago del Montello.

Presso gli sportelli C.A.A.F. per i seguenti Comuni soci: Asolo, Borso Del Grappa, Breda Di Piave, Caerano Di San Marco, Carbonera, Castelcucco, Castelfranco Veneto, Castello Di Godego, Cavaso Del Tomba, Cison Di Valmarino, Crocetta Del Montello, Fonte, Giavera Del Montello, Istrana, Loria, Maser, Maserada Sul Piave, Miane, Monfumo, Montebelluna, Moriago Della Battaglia, Paese, Pieve Di Soligo, Ponzano Veneto, Possagno, Povegliano, Refrontolo, Revine Lago, Riese Pio X, San Zenone Degli Ezzelini, Segusino, Sernaglia Della Battaglia, Spresiano, Tarzo, Trevignano, Treviso, Valdobbiadene, Vedelago, Vidor e Villorba.
 
La domanda ha validità annuale e l’importo verrà erogato in base al numero di residenti componenti il nucleo familiare.